27.3 C
Figline Valdarno
venerdì, Giugno 21, 2024

Calcit Valdarno Fiorentino

Piazza XXV Aprile 12) Figline Valdarno
Tel. 055.952130 info@calcitvaldarnofiorentino.it www.calcitvaldarnofiorentino.it
Per donare al Calcit Valdarno Fiorentino il 5 per mille inserire il codice 94118800484 nella dichiarazione dei redditi

Ecco il casco che salva la vita: importante supporto al 118

È in fase di studio ad Arezzo il casco che salva la vita. Si tratta di una nuova strumentazione per una prima diagnosi in caso di sospetto ictus o di trauma cranico.

TES – questo il nome del temnografo sperimentato dal 118 – “individua lesioni ed emorragie cerebrali, spontanee o da trauma, nella fase di primo soccorso permettendo al personale del 118 di valutare se il paziente è da trasportare immediatamente al DEA hub ospedaliero delle Scotte di Siena oppure da trasferire negli ospedali periferici” spiegano dalla Asl Toscana Sud est annunciando che la nuova tecnologia in sperimentazione ad Arezzo sarà presto estesa alle province di Grosseto e Siena.

La Temnografia (TTC Diagnostic) permette una prima valutazione capace di indirizzare i sanitari verso la struttura più adeguata accorciando i tempi per un eventuale intervento neurochirurgico.

“Lo studio in Asl Tse – aggiungono dall’azienda sanitaria – è cominciato in via sperimentale ad Arezzo dove l’impiego del casco è stato approvato dal Comitato etico aziendale. Adesso il Dipartimento di Emergenza Urgenza della Asl Tse, guidato dal dott. Mauro Breggia, ha deciso di estendere questo studio per testare la nuova tecnologia anche a Grosseto e Siena”.

“La tecnologia, basata sull’uso di campi elettromagnetici a bassissima potenza, è facilmente trasportabile in ambulanza ed è in grado di individuare lesioni ed emorragie cerebrali. E proprio per queste sue caratteristiche la Asl Tse lo sta impiegando nel campo dell’emergenza preospedaliera con l’intenzione di estenderlo su tutto il territorio dell’area vasta”.

Il Temnografo Encefalico Subcranico (TES) permette di effettuare screening in modo rapido e affidabile. “Questa strumentazione consente di effettuare una prima scelta oggettivabile per trasportare il paziente al Pronto Soccorso dell’Ospedale più idoneo sia sulla base dei dati clinici che della obiettività fornita da questa apparecchiatura, – spiega il dr. Simone Nocentini, Direttore Centrale operativa 118 Asl Tse – che in prima battuta ci permette di capire se c’è una emorragia cerebrale e, quindi, in che modo e in quali tempi è necessario intervenire. L’uso di questo dispositivo ci aiuta ad accorciare il tempo che intercorre tra la chiamata al 112 e la terapia più appropriata, perché ci permette di capire quale paziente deve essere indirizzato verso la struttura più adeguata al proprio quadro clinico. Una strumentazione che va a vantaggio del paziente che in questo modo ha la possibilità di essere trattato in modo rapido e adeguato evitando di essere portato in un ospedale ed essere successivamente trasferito altrove”.

“È una strumentazione utilissima e i risultati dello studio preliminare che abbiamo condotto su Arezzo ne hanno dimostrato l’efficacia – sottolinea il dr. Mauro Breggia, Direttore Dipartimento Emergenza Urgenza Asl Tse – Per avere un quadro più completo ed esaustivo è necessario allargare lo studio ad una casistica più ampia coinvolgendo anche i territori delle province di Siena e di Grosseto. Il TES è un casco che viene indossato e i cui sensori, che generano dei campi elettromagnetici, permettono di individuare un’eventuale emorragia in corso”.

“È uno strumento importantissimo – prosegue il dr. Breggia – che, in caso di sospetto ictus, ha la potenzialità per determinarne la causa che può essere la rottura di un vaso, quindi un’emorragia, oppure un’occlusione di un vaso e quindi un’ischemia e di conseguenza indirizzare il paziente verso la terapia più idonea. Grazie alla sua trasportabilità in ambulanza il temnografo raggiunge direttamente il paziente e in cinque minuti è in grado di dare una risposta al sanitario in emergenza. Senza la temnografia, invece, è necessario portare il paziente in un ospedale, fare una diagnostica Tac e solo successivamente trasferirlo con allungamento dei tempi di intervento. Se invece fin dal soccorso territoriale riusciamo a scegliere di centralizzare il paziente, potremo trasportarlo nell’ospedale che sarà in grado di trattarlo con tempistiche appropriate”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

ULTIMI ARTICOLI