16.9 C
Figline Valdarno
martedì, Maggio 21, 2024

Calcit Valdarno Fiorentino

Piazza XXV Aprile 12) Figline Valdarno
Tel. 055.952130 info@calcitvaldarnofiorentino.it www.calcitvaldarnofiorentino.it
Per donare al Calcit Valdarno Fiorentino il 5 per mille inserire il codice 94118800484 nella dichiarazione dei redditi

Firenze, chirurgia: le salvano la vita grazie alla stampa 3D

Un intervento chirurgico salvavita perfettamente riuscito all’ospedale San Giovanni di Dio di Firenze grazie al ricorso alla stampa 3D.

Una giovane donna colpita da una rara e grave patologia ha superato brillantemente l’operazione ed è stata dimessa due giorni dopo.

“Un intervento salva vita durante il quale il team che ha operato è riuscito a preservare la milza di una paziente grazie al ricorso alla stampa 3D integrato all’approccio laparoscopico minimamente invasivo” spiegano dalla Asl Toscana Centro. “La patologia che ha colpito la giovane è rara, un aneurisma dell’arteria splenica, ovvero una dilatazione anomala dell’arteria che irrora la milza. Può essere letale e necessario per trattarla efficacemente anche l’asportazione di un organo importante per le difese immunitarie come la milza. L’utilizzo dellastampa 3Dper creare un modello fatto su misura sul paziente e per avere una pianificazione precisa dell’intervento ha giocato un ruolo cruciale. La realizzazione finale del dettagliato modello 3D che comprendeva strutture anatomiche come la milza, il pancreas e i vasi splenici, ha potuto fornire preziose informazioni sia prima che durante l’intervento, contribuendo al suo successo”.

“Il team guidato dal direttore del dipartimento chirurgico, Stefano Michelagnoli – aggiungono dall’azienda sanitaria – era composto dal primario della Chirurgia generale, Alessandro Anastasi che ha condotto l’intervento e dal chirurgo vascolare, Emiliano Chisci. La tecnica utilizzata si basa sulla “esclusione” dell’aneurisma mediante sua legatura”.

La sala operatoria dell’ospedale San Giovanni di Dio (foto Asl Toscana Centro)

“Preservare la milza in casi del genere è spesso impegnativo, soprattutto quando l’aneurisma entra quasi nella milza – spiega Chisci – Tuttavia siamo riusciti a preservare l‘organo escludendo un grande aneurisma dell’arteria splenica”.

Fondamentale è stata la collaborazione con gli ingegneri Giovan Battista Semplici e Federica Giovannini che hanno realizzato il modello. Un paio di incontri on line con i chirurghi e nel tempo della pre-ospedalizzazione del paziente, gli ingegneri sono riusciti a creare il corretto modello 3D necessario per la guida intraoperatoria.

“Il nostro ospedale negli ultimi 15 anni– sottolinea Chisci – ha fatto un buon numero di interventi di questa complessità grazie alla collaborazione con la chirurgia generale e la grande expertise video-laparoscopica raggiunta dal dottor Anastasi e sempre con ottimi risultati. In questo caso il fatto che il paziente sia stato dimesso il secondo giorno postoperatorio riflette non solo il successo tecnico dell’intervento ma anche i potenziali benefici dell’approccio laparoscopico minimamente invasivo e della pianificazione resa possibile dal modello 3D”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

ULTIMI ARTICOLI