9 C
Figline Valdarno
giovedì, Aprile 25, 2024

Calcit Valdarno Fiorentino

Piazza XXV Aprile 12) Figline Valdarno
Tel. 055.952130 info@calcitvaldarnofiorentino.it www.calcitvaldarnofiorentino.it
Per donare al Calcit Valdarno Fiorentino il 5 per mille inserire il codice 94118800484 nella dichiarazione dei redditi

Gruccia, in un anno raggi a domicilio per 100 pazienti

Nell’arco di un anno sono stati un centinaio i valdarnesi che hanno potuto effettuare i raggi a casa propria grazie al servizio a domicilio organizzato dall’ospedale della Gruccia.

 L’attività di radiologia domiciliare attivato dal presidio di Montevarchi è iniziato circa dodici mesi fa, “un progetto sperimentale, innovativo che porta una “parte dell’ospedale”, quella della diagnostica per immagini, direttamente al domicilio dell’assistito” spiegano dalla Asl Toscana Sud Est.

“Il bilancio è più che positivo: oltre 100 infatti i pazienti, tutti residenti nella zona al proprio domicilio o in Rsa, che ne hanno usufruito”.

“Il 70% degli esami richiesti – sottolinea la dottoressa Rita Papi una delle promotrici del progetto e Responsabile dei Tecnici di Radiologia Medica che effettuano il servizio – hanno riguardato l’Rx Torace in presenza di difficoltà respiratorie, broncopolmoniti e controlli post Covid, mentre il rimanente 30% degli esami Rx ha interessato l’apparato osteo articolare (anca, femore, ginocchio, spalla, piede) ed è stato effettuato a domicilio per patologie croniche, dolore o controlli post operatori in pazienti non trasportabili”. 

“L’opportunità – aggiunge la dottoressa Claudia Nocentini Direttore della radiologia del PO del Valdarno – è stata pensata per i pazienti seguiti nell’ambito delle cure domiciliari e assistiti nelle Strutture sanitarie assistenziali del territorio (Rsa) del Valdarno: persone fragili, pazienti oncologici, disabili o non deambulanti, le cui condizioni di salute non permettono il trasporto in una struttura ospedaliera se non sottoponendo la persona ad un grave disagio”.

“Preme specificare – dice la dottoressa Daniela Cardelli direttore Dipartimento delle Professioni Tecnico Sanitarie della Riabilitazione e della Prevenzione – che grazie alle disposizioni di sicurezza e prevenzione adottate secondo le vigenti normative e monitorate dal Servizio di Fisica Sanitaria dell’Azienda Usl Tse, le procedure messe in atto per la radiologia a domicilio prevedono l’impiego di dosi limitate di radiazioni e comportano un rischio estremamente contenuto sia per i pazienti e gli operatori, sia per la popolazione in generale a fronte di un grande beneficio sulla qualità della vita di questi pazienti non deambulanti costretti altrimenti ad uno spostamento spesso difficile e doloroso”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

ULTIMI ARTICOLI