23.4 C
Figline Valdarno
giovedì, Luglio 18, 2024

Calcit Valdarno Fiorentino

Piazza XXV Aprile 12) Figline Valdarno
Tel. 055.952130 info@calcitvaldarnofiorentino.it www.calcitvaldarnofiorentino.it
Per donare al Calcit Valdarno Fiorentino il 5 per mille inserire il codice 94118800484 nella dichiarazione dei redditi

Mugnai: “Falsità parlare di smantellamento del Serristori”

“Rimango veramente allibita dalle parole che leggo e che sono state utilizzate sul tema dell’Ospedale di Comunità e della Casa di Comunità. Capisco fare propaganda politica, ma non accetto che questa venga fatta sulla pelle e sulla salute delle persone” tuona la sindaca di Figline-Incisa Giulia Mugnai dopo l’intervento dei Cobas di qualche giorno fa sul timore di uno smantellamento dell’ospedale Serristori a fronte del progetto e relativo investimento sul nuovo Ospedale di Comunità e la nuova Casa di Comunità.

 Un investimento che Mugnai e tutta l’Amministrazione, invece, difendono con forza, sottolineando “come non ci sia nessuna correlazione con i servizi ospedalieri, meno che mai una diminuzione delle attività del Serristori in funzione dell’ospedale di comunità. Le nuove strutture, infatti, rappresentano un ampliamento dei servizi offerti alla popolazione, con l’obiettivo di aumentare i posti non di sottrarli”.
“Si parla di uno sperpero di 6 milioni euro, – commenta Mugnai – noi invece rivendichiamo con forza che questo è un investimento da 6 milioni di euro molto significativo per la sanità territoriale. Dire che questo progetto serve a chiudere il Serristori, è semplicemente una falsità. Non abbiamo mai risparmiato critiche dure alla Regione quando si è reso necessario per il Serristori, ma gli investimenti che verranno fatti grazie a questi finanziamenti PNRR sono strategici e dobbiamo chiedere che siano realizzati più velocemente possibile”.

“Da tempo – aggiunge la sindaca di Figline-Incisa -, i cittadini aspettano un potenziamento dei servizi di prossimità dedicati alla popolazione più fragile, in particolare agli anziani. Questo è quello che stiamo facendo. Innanzitutto, grazie all’Ospedale e alla Casa di Comunità, molti medici di famiglia saranno radunati nello stesso luogo, garantendo, grazie all’integrazione di ulteriori professionisti, un servizio ventiquattrore su ventiquattro. Inoltre, sarà ampliata l’offerta attuale del distretto sanitario, realizzando venti posti letto per cure a bassa intensità che oggi non esistono nell’intero Valdarno, che sono totalmente aggiuntivi e che quindi nulla hanno a che vedere con l’ospedale Serristori, il quale manterrà tutti i suoi servizi come abbiamo sempre detto”.


“Ci siamo sempre battuti infatti, perché il Serristori mantenesse una medicina interna, un collegamento diretto tra la popolazione e i medici di famiglia, così da poter ricoverare le persone che ne hanno necessità e questi servizi ospedalieri resteranno. Nulla vedono togliersi a causa dell’Ospedale di Comunità. Per questo, io credo che si prendano in giro le persone, se si dice che questo progetto serve a chiudere il Serristori, perché in realtà è un ampliamento dell’offerta e quindi è l’esatto contrario”.

Oltre alla questione legata ai posti letto però, l’Ospedale e la Casa di Comunità avranno anche altre funzioni fondamentali soprattutto per le persone fragili, in particolare quella di fornire alla popolazione le cosiddette cure di bassa intensità. Funzioni che come più volte sottolineato andranno a integrare e non a sostituire i servizi dell’ospedale Serristori. “Questo nuovo distretto sanitario – sottolinea la sindaca – permetterà, soprattutto alla popolazione più anziana, di avere direttamente sul territorio delle strutture per le cure di bassa intensità, mentre adesso per raggiungere certe strutture occorre precorrere chilometri e chilometri di distanza, perché chiunque abbia in famiglia una persona anziana sa quanto siano lontane da noi tali strutture, con tutto quello che ne consegue. Proprio per questo, stiamo chiedendo sia all’Asl che alla Regione di rispettare i tempi previsti dal PNRR, perché questo progetto deve concludersi entro il 2026. Sono tempi molto ridotti, anche perché questo significa trasferire nell’Ospedale e nella Casa di Comunità tanti professionisti che potranno essere a disposizione delle persone. Tali tempi però dovranno essere necessariamente ad ogni costo rispettati. La priorità quindi è impegnarsi per realizzare questi investimenti e non cercare di ostacolarli. Anche noi crediamo – conclude la sindaca – che sia molto importante battersi per migliorare la situazione socio-sanitaria del territorio e soprattutto l’ospedale Serristori, ma crediamo anche sia utile farlo con azioni concrete e non attraverso sterili polemiche politiche”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

ULTIMI ARTICOLI