12.9 C
Figline Valdarno
venerdì, Febbraio 23, 2024

Calcit Valdarno Fiorentino

Piazza XXV Aprile 12) Figline Valdarno
Tel. 055.952130 info@calcitvaldarnofiorentino.it www.calcitvaldarnofiorentino.it
Per donare al Calcit Valdarno Fiorentino il 5 per mille inserire il codice 94118800484 nella dichiarazione dei redditi

Dialisi Serristori: domenica personale e pazienti a pranzo insieme

“Cuor-dial-mente” è il titolo dell’iniziativa che domenica 27 novembre porterà a pranzo insieme il personale e i pazienti dell’emodialisi dell’ospedale Serristori, la struttura che fa parte dell’unità operativa di nefrologia e dialisi del Santa Maria Annunziata, diretta da Pietro Dattolo.

“Insieme a pranzo” si terrà a Figline grazie al contributo dell’Associazione onlus Santa Maria Annunziata, oltre che alla volontà e all’intraprendenza del personale dell’ospedale. La Coordinatrice Infermieristica, Mihaela Badica, e il gruppo di lavoro del Serristori, spiegano i motivi più profondi dell’iniziativa:

“Le persone che assistiamo, a causa di varie malattie, hanno avuto una perdita irreversibile della funzionalità renale, quindi necessitano di “terapie sostitutive” continue e ritmiche nel tempo. Esse sono di età, sesso, nazionalità, cultura, religione diversi, ma, nonostante ciò, devono dividere spazi e tempi senza essersi scelti”.

“La buona riuscita del trattamento terapeutico non dipende solo dalle competenze tecnico-specifiche erogate dal personale operante, ma da una relazione di cura che implica l’ascolto, l’attenzione, riflessione sull’agire e gesti, momenti di condivisione. Oggi il tempo dedicato alla cura rischia di ammalarsi, e se ne ha particolarmente riscontro in questo periodo storico caratterizzato dalla velocità del fare, in cui la misura del tempo è legata a parametri oggettivi e prestazionali; diventa quindi fondamentale creare un ambiente sereno, collaborativo ed empatico. Solo così si può educare adeguatamente, diminuire le ansie e le paure, rendere più complianti alle terapie dialitiche, migliorare le prestazioni erogate”.

Non si cura solo con le “pillole”, ma con la mente ed il cuore. Il lungo periodo Covid ha messo tutti, operatori e pazienti, a dura prova. È occorso un grande impegno e responsabilità di ognuno per permettere la buona riuscita”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

ULTIMI ARTICOLI