16.9 C
Figline Valdarno
martedì, Maggio 21, 2024

Calcit Valdarno Fiorentino

Piazza XXV Aprile 12) Figline Valdarno
Tel. 055.952130 info@calcitvaldarnofiorentino.it www.calcitvaldarnofiorentino.it
Per donare al Calcit Valdarno Fiorentino il 5 per mille inserire il codice 94118800484 nella dichiarazione dei redditi

Ripetitore spento, niente programmi Rai. Il Calcit scrive al Difensore civico

“Su segnalazione di numerosi nostri associati, purtroppo pazienti onco-ematologici, da alcuni giorni in molte zone del Valdarno non si ricevono più i canali pubblici della Rai”. Inizia così la lettera che Mario Bonaccini, presidente del Calcit Valdarno Fiorentino, ha scritto al Difensore civico della Regione Toscana, chiedendo un suo intervento risolutivo per risolvere un problema che ha colpito numerose famiglie valdarnesi, alcune delle quali ospitano familiari con problemi di salute, i quali – specialmente con le attuali temperature estive – sono costretti quotidianamente ad allungare il tempo di permanenza tra le quattro mura di casa. E l’assenza dei canali televisivi della Rai è un disagio in più per chi non può uscire a fare una passeggiata. Purtroppo per risolvere il problema dell’assenza dei programmi Rai non basta risintonizzare l’apparecchio televisivo. In realtà la questione è più complessa, ed è stata ben spiegata da Bonaccini nella lettera inviata al Difensore Civico.

“Da quanto è dato sapere – scrive il presidente del Calcit – ciò deriva da interventi fatti sui ripetitori del digitale terrestre della zona, che sono quelli di Monteluco, Secchieta e Pulicciano. Mentre i due primi ripetitori continuano a trasmettere, quello di Pulicciano appare senza segnale o spento. Per tale motivo non risulta sufficiente risintonizzare i televisori, ma occorre agire sull’antenna per cercare di captare il segnale da almeno uno dei due ripetitori ancora funzionanti”.

Ma fare questa operazione tecnica non è per niente semplice. Anzi. “Occorre l’intervento di personale specializzato per salire sui tetti, installare le protezioni anticaduta, e nei casi più complessi, adottare un appropriato piano di sicurezza – spiega Bonaccini – Ovviamente tutto ciò comporta una spesa tutta a carico dell’utente finale, e la qual cosa ci appare inammissibile visto che i problemi aziendali Rai potrebbero essere risolti tecnicamente dalla stessa in maniera diversa, senza creare disagi e spese ad una vasta pluralità di utenti”.

Bonaccini chiede quindi un intervento del Difensore civico “affinché la Rai ripristini il ripetitore di Pulicciano in modo che gli utenti (che pagano in bolletta un servizio che non c’è) possano ricevere tutti i canali pubblici”. Secondo il presidente del Calcit Valdarno Fiorentino Onlus, mentre è da considerarsi legittimo l’invito a risintonizzare i televisori “non è accettabile” che venga richiesto il riposizionamento dell’antenna “poiché in questo caso si tratta di un impianto fisso”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

ULTIMI ARTICOLI